Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

Pesca al Lago Santo di Cembra

Il Lago Santo di Cembra è un lago alpino di origine glaciale, popolato da trote fario particolarmente divertenti da pescare. 

La Valle di Cembra raccoglie acque di notevole interesse per la pesca sportiva. Non solo torrenti ma laghi naturali, anche ad altitudini superiori a mille metri e di origine glaciale. Il Lago Santo di Cembra è sicuramente lo spot più suggestivo, sia per l'ambiente alpino circostante, sia per un'antica leggenda popolare. Essa narra che centinaia di anni fa, proprio dove sorge il lago, vi era un appezzamento di terra oggetto di litigi tra eredi. Uno di questi si augurò che il terreno si trasformasse in un lago perché cessasse la bega tra fratelli. Così magicamente una notte, l’acqua colmò la grande conca minacciando  il borgo sottostante, al punto da attrarre per un pellegrinaggio gli abitanti di Cembra che, in segno di supplica,  vi gettarono l’anello della Madonna. Le acque si fermarono e Cembra fu salva.  Da allora, la tradizione popolare ha voluto che il Lago divenisse “Santo”.

 

Il Lago Santo di Cembra
Il lago è incastonato in una conca glaciale originatasi dall'erosione nel porfido. Nasce a 1.200 metri di altitudine e si trova sul Dossone di Cembra, che sovrasta, poco distante,  l’antico borgo. Le sue sponde sono comodamente accessibili per l'intera estensione. Il lago è interamente circondato da conifere e latifoglie che, specie in autunno, assumono colori incantevoli. Vi è spazio sia per la pesca, sia per attività outdoor come passeggiate praticabili tutto l’anno, a piedi, in mountain-bike o con le ciaspole,  per la balneazione nei mesi più caldi e,  per gli amanti della fotografia naturalistica,  per creare emozionanti set fotografici durante la stagione del foliage. Le acque sono fredde e pulite: d'inverno ghiacciano, mentre d'estate offrono il giusto refrigerio a chi è in vacanza in Trentino o a chi scappa dalle calde città del fondovalle. La popolazione ittica è costituita da trote fario adulte, con dimensioni che oscillano tra i 25 e i 40 centimetri.

 

Regolamento per la pesca sul Lago Santo di Cembra
Le acque del lago sono in concessione alla APDT di Trento. Il permesso giornaliero costa € 15,00 e non richiede il possesso della licenza di tipo B. L'apertura è fissata il 1° maggio mentre la data di chiusura è il 30 settembre. La APDT effettua frequenti ripopolamenti, pertanto la pesca risulta chiusa il venerdì non festivo. Si possono catturare fino a 5 trote con lunghezza superiore a 22 centimetri. Sono ammesse sia le esche naturali che artificiali, innescate su ami con ardiglione. Suggeriamo tuttavia di effettuare catch & release per rispetto verso le prede, nonchè per preservare la bellezza intrinseca della popolazione che vive nel lago. La navigazione è consentita sia in belly boat, sia con natanti sprovvisti di motore. Qualora sorgessero dubbi sul regolamento, invitiamo a contattare l'APDT di Trento al numero telefonico 0461 930093 o via mail all'indirizzo info@apdt.it.

 

La “trota lago” in un contesto naturale
Il Lago Santo di Cembra è una "palestra" naturale dove praticare lo spinning, la pesca a mosca ma, soprattutto, la pesca a “trota lago”. Il fascino sta proprio nel pescare con una tecnica italianissima, fatta di concetti fondamentali come la tremarella, lo striscio e la pesca con la bombarda. Entrambe le specialità trovano nel Lago Santo di Cembra uno spot di concreta applicazione. Per affrontarlo al meglio, sarà necessario procurarsi quattro canne da trota: una 4 metri con azione 1/4 grammi per la pesca di ricerca col vetrino, una 4 metri con azione 3/8 grammi per la pesca col piombino, una 4,50 metri con azione 8/15 grammi per la pesca con la bombarda ed una bolognese di 5 metri per pescare col galleggiante. Il vetrino e il piombino saranno indispensabili per le trote nel sottoriva. La bombarda cercherà gli esemplari che stazioneranno a centro lago. La bolognese, invece, rappresenterà un jolly da sfoderare in caso di trote apatiche e ferme, che non reagiscono agli stimoli della pesca a recupero, tipica della trota lago.